Itinerari Turistici

Benvenuti sulla costa adriatica!

INSERISCI LA TUA STRUTTURA

Scopri gli Itinerari d’Abruzzo

Teramo antica città d’arte e capoluogo di provincia è incorniciata nello scenario del Gran Sasso e dei Monti della Laga, che snoda sullo sfondo della città una formidabile corona di cime e pareti, ma anche protesa verso lo splendido mare della sua costa, a poche decine di chilometri, Teramo è ricca di storia, di natura e di una vivace vita culturale. Nel cuore del centro storico, tra i resti del teatro e dell’anfiteatro romano, vi è la famosa Cattedrale, intitolata a San Berardo (del 1158, ampliata nel Trecento;tre navate; stupende monofore; portale di Diodato Romano, con bellissime statuine sulle colonnine laterali di Nicola da Guardiagrele, di cui all’interno è custodito il capolavoro, il celebre Paliotto d’argento; Polittico di Sant’Agostino, del veneziano Jacobello del Fiore e affreschi quattrocenteschi). Appena fuori le mura si può ammirare l’antico santuario dedicato alla Madonna delle Grazie. Fu costruita nel 1153 prendendo origine dalla chiesa di un monastero di benedettine intitolato a Sant’Angelo delle Donne. Nel centro storico, è visitabile la chiesa di Sant’Anna, è l’unico edificio altomedioevale di Teramo, residuo dell’antica cattedrale di Santa Maria Aprutiensis, che in parte era costruita su fondamenta di epoca romana.Offre al turista una bellissima passeggiata nel suo centro storico dove oltre all’arte si potrà fare shopping o degustare specialità legate alla tradizione culinaria locale nei numerosi ristoranti e bar presenti lungo la passeggiata del corso.

Montepagano, è un affascinante borgo che sia affaccia sulla collina di Roseto degli Abruzzi a circa 2 km di distanza dalla cittadina, un borgo che vanta origini medievali, è la frazione più nota, antica e nobile, sia per la storia che per la ricchezza dei monumenti che possiede. Il Castello di Montepagano è uno di questi; si tratta di un arroccato castello che conserva ancora oggi opere d’arte e monumenti del passato, davvero importanti ed illustri. Pur essendo un paese di piccole dimensioni, Montepagano possiede una storia antica ed importante che si snoda tra le sue vie, tra i suoi ricordi e tra le sue piazzette. Ha rilevanti monumenti come la Porta da Borea con l’arco ad ogiva, resto dell’imponente cinta di mura medievale; ha inoltre diverse chiese, tra cui la più importante è sicuramente La Santissima Annunziata, ultimata nel 1602 e tuttora sede delle più importanti funzioni religiose paganesi, altro monumento importante è il famoso campanile legato alla leggenda di San Antimo sacerdote e martire cristiano ai tempi delle persecuzioni Romane contro i cristiani che con un miracolo scacciò, accecandoli, i Turchi che volevano attaccare il paese. Dal suo belvedere e dalle sue mura si può scorgere la bellissima vista sulla mare Adriatico, d’estate importanti manifestazioni culturali e sagre allietano il borgo permettendo quindi di trascorrere vacanze all’insegna della cultura e dell’enogastronomia abruzzese, tra cui appunto la Mostra dei Vini Tipici importante manifestazione che si svolge da oltre trent’anni.

Civitella del Tronto è situata a 589 m s.l.m. su di una rupe rocciosa di travertino ed è sovrastata dalla fortezza, che appartenne al regno dei Borbone di Napoli e del Regno delle Due Sicilie che resistette strenuamente al comando piemontese, arrendendosi addirittura tre giorni dopo che fu proclamata l’Unità d’Italia.Tra le sue mura possiamo visitare Il Santuario mariano è una delle realtà monumentali più note del territorio teramano e conserva tuttora memoria d’arte romanica, di misticismo e spiritualità. Dedicato alla Madonna dei Lumi, sorge al di fuori della cinta muraria del paese di Civitella. L’intero complesso religioso è costituito dalla chiesa, dalla casa monastica e dal chiostro. Il 31 maggio di ogni anno vi si organizza una fiaccolata con i lumi, per rendere omaggio alla Madonna. La Chiesa di San Francesco, che conserva ancora oggi le caratteristiche originarie, di stile gotico-romanico, è caratterizzata dal rosone trecentesco in pietra con cornice intagliata proveniente, secondo la tradizione, dalla chiesa di San Francesco di Campli. Porta Napoli, unica porta urbana conservatasi, consente l’accesso al borgo da est. Arco a tutto sesto risalente al Duecento, realizzato in conci di travertino e addossata ad alcuni resti delle mura di cinta e all’abside della chiesa di San Lorenzo. Al di sopra della chiave campeggia lo stemma urbico della cittadina che raffigura le cinque torri merlate. Anche qui potrete degustare piatti famosi della cucina locale e assistere a sagre e manifestazioni artistiche durante il periodo estivo.

Il borgo di Castelli è posto in posizione collinare il paese denominato la patria della ceramica abruzzese, nasconde tesori straordinari di arte abruzzese. La chiesa di S. Giovanni Battista, edificata nel 1601 in stile rinascimentale, presenta, murati nella facciata, i resti del pulpito del XII sec, provenienti dalla Abbazia di S. Salvatore. All’interno si conservano una scultura lignea del XIII sec, raffigurante S. Anna con in grembo Maria bambina ed una pala in maiolica attribuita a Francesco Grue uno dei maggiori esponenti della famiglia di ceramisti. La chiesa ed ex convento dei Francescani del XVII secolo, ha un chiostro con loggiato e pilastri decorati con piastre maiolicate, oggi sede del museo locale. Merita attenzione anche la chiesa di S. Donato che conserva parte del soffitto e della pavimentazione in mattonelle maiolicate del ‘400.

Atri è considerata il gioiello dell’arte abruzzese, La cittadina conserva ancora intatto il suo aspetto antico, nascondendo delle testimonianze di notevole pregio. Eretta su una precedente chiesa del IX sec, la Cattedrale, consacrata a S. Maria Assunta nel 1223, conserva ancora testimonianze delle fasi della primitiva edificazione, sorta su una cisterna romana. La facciata, tripartita ha un bel portale di Mastro Rainaldo di Atri, sovrastato da uno splendido rosone. Il campanile con coronamento a cuspide presenta una decorazione con ciotole maiolicate. All’interno spicca un coro che risale al XII secolo. A rendere particolarmente suggestivo il paesaggio di Atri è la presenza dei calanchi, formazioni carsiche derivanti da una particolare forma di erosione, oggi compresi nella Riserva Naturale dei Calanchi di Atri che include ben 350 ettari di territorio.

Parco Nazionale del Gran Sasso

L’Abruzzo offre al turista non solo mare e lunghe spiagge dorate, ma dà anche la possibilità agli amanti della natura e della montagna di poter fare bellissime escursioni in tutte le stagioni. A circa un’ora di macchina da Roseto potrete visitare il famoso massiccio del Gran Sasso famosa meta turistica del teramano, da ammirare sia in estate che in inverno grazie anche alle sue piste da sci.
Il Parco Nazionale racchiude tre distinti gruppi montuosi: la maestosa catena calcareo-dolomitica del Gran Sasso, con la vetta appenninica più elevata, il Corno Grande (m. 2912), alla cui base è sopravvissuto il Ghiacciaio del Calderone, il più meridionale d’Europa; i Monti della Laga, nel settore settentrionale del Parco, raggiungono anch’essi una quota ragguardevole sul Monte Gorzano (m. 2458), e costituiscono il complesso montuoso arenaceo-marnoso più elevato ed esteso dell’Appennino; a nord-est del Parco, i Monti Gemelli, due montagne calcaree interessate da complessi fenomeni carsici.
Famoso in estate per passeggiate nella natura nel parco è possibile avvistare il famoso camoscio d’Abruzzo o l’orso bruno marsicano, in inverno più adatto per gli amanti dello sci con e sue estese piste ed alberghi attrezzati per le vacanze invernali sulla neve, inoltre si possono visitare paesi e centri storici di notevole interesse come Pietra Camela e Isola del Gran Sasso. Le attività consigliate: escursioni a piedi, a cavallo e in mountain-bike, escursioni didattiche guidate, trekking, biking.
Visita la Strutture

I nostri Servizi

Inserisci la tua struttura su
rosetodegliabruzzi.com

Rosetodegliabruzzi.com

Fai crescere la tua attività con un sito web di successo

Rosetodegliabruzzi.com

Consulta i nostri servizi di social media marketing

Rosetodegliabruzzi.com

Richiedi oggi stesso stesso un preventivo gratuito!

La gastronomia e la cucina tradizionale abruzzese e teramana

Cucina tipica

Negli Hotel e nei Ristoranti di Roseto degli Abruzzi vengono serviti piatti della tradizione rosetana e teramana a base di carne e pesce fresco conditi da vini e verdure di produzione locale.

La provincia di Teramo è quella che vanta in cucina tradizioni secolari, conservate fedelmente dovunque. Prodotti dai tipici sapori mediterranei che con gli anni hanno mantenuto inalterato il sapore della tradizione.

Ricette teramane

Il primo posto lo meritano le famose “scrippelle m’ busse” o asciutte in timballo, cioè sottilissime crespelle ripiene di formaggio in brodo di gallina o al forno inframezzate da ragù. Passiamo poi ai famosi brodetti di pesce fresco e frutti di mare di antica tradizione marinara che vengono serviti nei Ristoranti o Trattorie sul lungomare di Roseto, piatti di pesce fritto, aragoste e scampi con contorni di patate e verdure. Un altro piatto tradionale è costituito da “le virtù”, una minestra con verdure, cereali, vari tipi di pasta e di carne. Non mancano sulla tavola abruzzese i dolci prodotti artigianalmente come le neole o il castagnaccio, bocconotti (dolci tipici del Natale ripieni di marmellata d’uva), i calcionetti (fatti con marmellata, pinoli e noci).

Aiutiamo la tua Azienda a crescere con una pubblicità mirata seguendone i risultati attraverso una visibilità costante e guidata nel Web per raggiungere un alto numero di opportunità

Il primo Portale della Città

DAL 1999

Fai crescere il tuo Business online!

INSERISCI LA TUA STRUTTURA